Paracarene

quando servono e come sono fatti i paracarene in commercio

Paracarene o a volte chiamati paramotore, sono i classici tubolari che in caso di piccole cadute evitano di danneggiare le (delicate) carenature delle nostre moto e, negli urti più forti, sono una barriera in più prima che l’urto danneggi i radiatori. Indispensabili per chi fa fuoristrada, si ripagano alla prima banale caduta da fermi (non flagellatevi, è capitata a tutti!) visto che costano quanto una nuova carena. I soli svantaggi, oltre al lieve aumento di peso e ingombri, sono che, quello del 600 e del 700, essendo collegati alle pedane aumentano leggermente le vibrazioni su queste ultime.

Si differenziano parecchio tra i modelli 600 – 650 e 700, sul primo le protezioni sfruttano fissaggi piuttosto alti (i supporti dei radiatori) e la protezione risulta ottimale ed efficace, il 650 invece sfrutta attacchi più bassi, si estende fin quasi sotto il motore, protegge bene la parte bassa ma non altrettanto la parte superiore delle carene, anche se si trovano in commercio versioni molto alte ma non avendo solidi fissaggi hanno più funzione estetica che protettiva. Anche quello del 700 è basso ma si prolunga di più posteriormente.

In commercio si trovano di varie marche Se costruttivamente sono tutti abbastanza simili, tubo in acciaio da 25mm sagomato attorno alla nostra moto, le realizzazioni ed i fissaggi sono abbastanza differenti vediamone qualcuno in particolare:

GIVI/KAPPA

Molto diffuso e venduti a prezzi contenuti (in particolare col marchio Kappa), Per i modelli 600 i cataloghi GiVi riportino la compatibilità solo per i modelli dal 1989 in poi. Se si vuole montare sui modelli precedenti bisogna rimuovere il paracalore e dal collettore del cilindro posteriore e verificare che sterzando i tubo freni non urti contro il paracarene.
Questi paracarene sono di buona realizzazione per il Transalp 650, anche se rimane piuttosto basso, lo stesso non si può dire per quello del 600, la realizzazione è valida ma il fissaggio superiore (modificato negli anni) non è in grado di sopportare alcun urto ed il tubolare scivola all’interno del fissaggio ed il paracarena va a urtare la carena. La cosa fu al tempo segnalata alla Givi ma la risposta fu poco soddisfacente, tanto che all’interno della Lissta si studiò un modo per ovviare semplice ed efficace
Sul Transalp 700 alcuni che lo utilizzano lamentano un aumento delle vibrazioni.

paracar2

Riky Cross

Un pò grezzi, qualche foro che non combacia alla perfezione, abbastanza costosi, ma estremamente robusti ed affidabili con fissaggi solidi e ben fatti

immagine

rappresentano sicuramente il massimo per quanto concerne la protezione, infatti reggono ben oltre la piccola caduta, indispensabili per i viaggi avventura dove è più facile cadere e dove un radiatore danneggiato rappresenta un enorme guaio.

immagine

Touratech

Non disponibile per il modello 600, sul 650 si estende abbastanza verso l’alto fin oltre le feritoie presenti nella carena.

immagine

Purtroppo, come detto, su questo modello non vi sono fissaggi adeguati, tende quindi a piegarsi in caso di urto non proteggendo alla fine più di quelli bassi.
Per il modello 700 invece rimane piuttosto basso e offre come optional

immagine

(visibile nella foto di dx) due staffette aggiuntive per alzarlo che però fanno notevolmente lievitare il costo totale e come per il 650, dalle foto sembrano prive di attacchi al telaio anche se appaiono di fattura robusta.


SW-Motech

Prodotti dal buon rapporto qualità prezzo, proteggono bene le carene, in particolare quelli per i modelli 600 e per il 700 dove é presente una staffa posteriore che lo fissa a lato motore senza il lungo tubolare che arriva alle pedane o sotto il motore, questo porta a un tasso di vibrazioni inferiore rispetto ad esempio al GIVI oltre e garantire una discreta resistenza agli urti senza gli ingombri delle altre soluzioni. In Italia sono reperibili con difficoltà dai normali reti di vendita, ma si acquistano agevolmente sul web e anche sul sito della stessa Sw-Motech.

immagine

Altri paracarene disponibili per la Transalp, sono Five Stars, Hepco & Becker, Jama, MDI, Motad ecc. ecc.