Paramotore

 come proteggere adeguatamente il motore e cosa offre il mercato

Accessorio fondamentale per affrontare il fuoristrada con sicurezza. Serve per proteggere sia la coppa motore che il delicato filtro olio da sassi e pietre che potrebbero danneggiare la moto.

Il paramotore originale è in plastica, materiale non resistentissimo ma estremamente elastico, sui modelli 600 è abbastanza esteso e assicura una discreta protezione, ha un solo limite è leggermente corto e non protegge al 100% il filtro olio e la parte centrale della coppa, ma è sufficiente rivettarvi una piastrina di alluminio di 4-5 cm di lunghezza per completare la protezione anche se la soluzione migliore rimane aggiungere una piastra in alluminio, come puoi leggere di seguito.

Discorso differente per i modelli 650, dove la protezione è davvero minima in quanto è il paramotore esternamente ben sagomato è invece completamente aperto nella parte inferiore, i filtri olio rotti non si contano e anche qualche coppa motore sfondata, quindi come minimo va rinforzato e allungato. Il modo più semplice è prendere una piastra di alluminio (spessore min. 3mm) tagliarla nelle dimensioni corrette e fissarla con delle fascette (almeno 4 meglio se metalliche e a vite) sulla culla del telaio e poi montare il paramotore originale. La piastra deve infilarsi il più possibile sotto il paramotore ed arrivare a coprire completamente il filtro olio, naturalmente questo lavoro è possibile eseguirlo anche sul 600. Oppure come ha fatto l'amico Cash si può rivettare al paramotore originale una piastra, sfruttando la vite superiore per renderla solidale al telaio. Importante che la piastra sia più larga die due tubi telaio in modo che in caso di urto forte per effetto dell'elasticità del supporto in plastica la piastra possa appoggiarsi ai tubi telaio e reggere l'impatto.

immagine


Ci perdonino invece i possessori del modello 700 se non lo prendiamo in considerazione, ma viste le limitate doti fuoristradistiche, la ridottissima luce da terra e la sporgenza del catalizzatore, crediamo che il paramotore sia l’ultimo dei problemi per affrontare il fuoristrada, probabilmente ne esisteranno anche ma si limitano a puro orpello estetico per cui prendete quel che più vi piace.



Cosa offre il mercato:

 

immagine


Gli amici veneti (in particolare Stefano “paracoppa”) hanno realizzato una piccola serie di pregiati paramotore, in alluminio saldato spessore ben 4mm, se vi interessa provate a contattarli se c’è ancora qualche disponibilità, ne vale davvero la pena..


Sw Motech

 

immagine


Come per altri prodotti di questa marca, anche questo è ben realizzato in robusto alluminio di buono spessore e cura nella realizzazione, reperibile soprattutto on line a un prezzo adeguato al prodotto, quello del 600 può (o poteva) essere equipaggiato con un pratico porta attrezzi anteriore.

 

immagine


Mentre quello per il 650 ci è parso un po troppo corto e non protegge adeguatamente il filtro olio (rimediare è cosa banale, basta aggiungere qualche centimetro di lamiera)

 

immagine

 


Africa Twin

Altra alternativa all’after market, riservata ai soli possessori di Transalp 600 consiste nel procurarsi (usato perchè nuovo costa una follia) un paramotore dell’africa Twin. Il migliore è sicuramente quello dei modelli 650 più robusto (anche se non a livello degli SW Motech o di quelli di Stefano) e facile da adattare, bastano pochi fori per il fissaggio per calzarlo alla perfezione. Gli amici francesi hanno creato questa bella pagina di istruzioni (però invece di saldare un nuovo supporto al telaio si può con un paio di rivetti e una piastrina adattare il paramotore).

 

immagine


mentre quello dell’africa 750 è più “stiloso” ma difficile da adattare. E' composto da tre parti inbullonate e per farlo calzare bene va rifatta la parte centrale che è un poco troppo larga, inoltre rispetto a quello del 650 e molto meno robusto.

 

immagine


Ha però il vantaggio di poter ospitare nel lato sinistro, dove sull'At c'è il vaso di espansione del circuito di raffreddamento, un portaoggetti per delle camere d’aria di emergenza o altro.

 


Touratech

 

immagine


Non disponibile per i modelli 600, sul 650 si distingue per la linea compatta e spigolosa che a nostro parere non si sposa molto bene con le linee rotonde della moto, la protezione assicurata da una lamiera da 3mm, così come la facile reperibilità sul sito del noto produttore tedesco.